• Redazione TheMeltinPop

LETTURE NEL PATIO: "Troppa verità" di Paolo Calabrò .

L'AMICO AMERICANO.

STORIE D'OLTREOCEANO


di Emanuele Pettener


L’aria è tiepida, intarsiata dal consueto coro di uccellini: fischi, gorgheggi, do di petto. Sembrano così felici! Piccoli angeli che intonano canti di gioia al Signore, o alla natura, chissà.

È un giorno ideale per starsene nel patio, prima che il sole arroventi il cielo, e leggere Troppa verità di Paolo Calabrò (Bertoni, 2021).


Romanzo strano, originale nella trama e nella prosa. E anche qui: un coro. Il coro dei personaggi che a turno prendono voce e raccontano la propria versione dei fatti sull’assassinio dell’usuraio Ugo Mozzi, trovato incastrato fra le pale di un mulino in disuso.

A Calabrò va subito reso merito di una cosa: aver costruito una trama come si deve. La tanto disdegnata trama che, con puerili scuse postmoderne, tanti scrittori contemporanei hanno riposto in cantina, per una ragione ovvia quanto imbarazzante: non sono in grado di metterne su una.


Concepire e sviluppare una trama è uno fra gli aspetti più difficili e delicati nell’arte del romanzo, ed è per questo che il buon Borges la onorava e apprezzava quel genere letterario da tanti disprezzato che non può esistere senza una solida trama: il giallo.

E Troppa verità è un giallo, anche se più specificatamente rientra in quella categoria definita “giallo filosofico” (Calabrò di filosofia si nutre e dalle note biografiche scopriamo che dirige assieme a Diego Fusaro la collana filosofica “I cento talleri” per l’editore Il Prato).

Ma inserire un testo in un genere o in un altro ha poco valore, in letteratura esistono solo due categorie: libri scritti male e libri scritti bene. E Troppa verità è scritto molto bene: a una sofisticata architettura si abbina una scrittura forte, vigorosa, pulitissima – anche nell’uso calibrato della punteggiatura. (È scritto così bene che si può anche perdonare, a Calabrò, d’insegnare scrittura creativa: i ferri del mestiere effettivamente li conosce davvero e, contrariamente a tanti suoi colleghi, ha sicuramente una conoscenza da poter condividere).


Affascinante, infine, l’ambientazione: un remoto e minuscolo villaggio di montagna, isolato e duro da raggiungere, in un’ignota parte d’Italia, attraversato nella notte dal fantasma di una ragazzina – Erbolina – ammazzata nel ‘500 da un cavaliere spagnolo, secondo la leggenda con la quale s’apre il romanzo e che aggancia subito il lettore alle sue pagine.





 


Emanuele Pettener, nato a Mestre, insegna Lingua e Letteratura italiana alla Florida Atlantic University (Boca Raton, Florida), dove nel 2004 ha conseguito un Ph.D in Comparative Studies. Ha scritto numerosi articoli e racconti apparsi su riviste statunitensi e italiane. È autore dei romanzi È sabato mi hai lasciato e sono bellissimo (Corbo, 2009), Proust per bagnanti (Meligrana, 2013), Arancio (Meligrana, 2014), e Floridiana (Arkadia, 2021). Ha pubblicato il saggio Nel nome del padre del figlio e dell’umorismo. I romanzi di John Fante (Cesati, 2010) e, in inglese, la raccolta di brevi racconti A Season in Florida (Bordighera Press, 2014, traduzione di Thomas de Angelis).



 

Per seguire L'AMICO AMERICANO. STORIE D'OLTREOCEANO:


5 MARZO 2019


FANTASMI BIRICHINI, FANTASMI GRASSOTTI


HEMINGWAY E LA PISCINA


BASTA COL VINO, BASTA CON DARWIN!


LA MIA NONNA IRLANDESE


IL PITONE BIRMANO


UN SOGNO AFRICANO NEL SUD DELLA FLORIDA


LA FILOSOFIA DELL'IGUANA


FRAMMENTO DI UN'ESTATE IN FLORIDA


IL POSTINO A PIEDI NUDI


TEMPO DI SATOLLARSI


LETTURE NEL PATIO: "Dragan l’imperdonabile" di Roberto Masiero.


NON SONO LE ARMI A UCCIDERE MA GLI UOMINI


UN SOGNO GIAPPONESE NEL SUD DELLA FLORIDA

0 commenti

Post recenti

Mostra tutti