• Redazione TheMeltinPop

Casa Mediterranea: una storia di bellezza condivisa




Ci sono luoghi che diventano un abbraccio, una carezza, una porta aperta. Questo perché chi li abita li vuole così e così li trasforma. Un po' è magia e un po' è buona volontà, che, mescolate insieme, modellano gli spazi in modo che il dentro e il fuori s’intersechino, si confondano, perdano i loro confini netti in favore di un'ispirazione di bellezza e comunione con la natura. I muri non creano separazioni ma continuità, i colori - verdi, rosa, azzurri - si rincorrono e si richiamano, conducendo lungo percorsi che dal giardino portano alle stanze e viceversa, perché il verde e le piante non siano un mero oggetto decorativo ma uno stato dell'anima. Questo è quello che accade nella Casa Mediterranea di Valeria D'Agata, sulle colline del levante ligure, sopra l'incantevole Sori. Pensata, voluta e creata per essere un mondo di luce e calore, accogliente ed inclusivo.


La stessa filosofia avviene anche per gli oggetti che vi trovano posto - molti recuperati dai ricordi del passato, altri raccolti durante i viaggi, altri ancora trovati nei mercatini dell'usato - che regalano all'arredamento qualcosa di personale e unico, anche se il fine di tanta cura e ricercatezza non è mai un lezioso mostrare, ma resta sempre il desiderio di creare una piccola porzione di quiete e bellezza da condividere con la famiglia, ma anche con gli ospiti.





Valeria infatti ha voluto fare della Casa Mediterranea un punto d'incontro per chi ama la lettura, stare insieme, conversare, scambiarsi idee e suggestioni. Nelle stagioni di sole, apre le porte della sua casa e mette a frutto tutte le sue passioni: la lettura e la voglia di passare del tempo tra amici. Nel suo giardino, tra i riflessi azzurro-argento del mare e degli ulivi, ospita presentazioni letterarie con autori e scrittori, le fidate compagne del book club, persone che desiderano stare insieme e immergersi nelle storie, magari bevendo un té o un buon bicchiere di vino.


Dell'incanto della Casa Mediterranea si è occupata anche la rivista, leader nel settore dell'arredamento e dell'interior design, Casa Facile, che ha voluto dedicarle un articolo. Grazie proprio a Casa Facile e alle tante case a cui dedica attenzione, Valeria è venuta in contatto con una forte comunità di persone che interpretano l'abitare come un modo per creare legami e circondarsi di bellezza e d'armonia in uno spazio da vivere e amare. E anche qui ha trovato il modo di declinare il suo talento per stabilire connessioni e relazioni, creando un gruppo di amici, appassionati e sensibili, che grazie a lei, ma con il contributo di tutti, hanno organizzato un incontro a Milano dove finalmente potersi conoscere e rendere vivo e fruttuoso il loro scambio di idee, punti di vista e suggestioni. E questa magia si rinnoverà presto, avendo questa volta come luogo d'incontro il capoluogo ligure.


Ma lasciamo ora alla stessa Valeria il racconto di come è nata Casa Mediterranea e di quale filosofia la permea:


"Quando ho visto per la prima volta la casa in cui viviamo, sono andata oltre alle pessime condizioni in cui si trovava; ho visto un ambiente dove era possibile portare il verde dentro alle quattro mura e dare contestualmente continuità fra la zona-giorno e l’esterno.

Un ambiente grande dove trascorrere del tempo tutti insieme anche se impegnati a fare cose diverse, questo fu il mio pensiero immediato.


Ho immaginato ore di chiacchiere leggere con amiche a sorseggiare qualcosa di fresco oltre che i pranzi di famiglia.

Ma ho anche immaginato la mia dimora come un luogo di condivisione, un salotto culturale, all’aperto durante le stagioni calde, dove ascoltare storie, intrecciarle o farle raccontare dallo stesso scrittore ospite. In tal modo la storia non è più solo del narratore ma diviene di altri; può essere interpretata, può piacere come no, può emozionare, può annoiare.

In giardino tutto profuma di erba tagliata, di elicriso e di limone; la luce è ben filtrata dai rami degli ulivi e da qualche albero da frutta al punto giusto per creare angoli di refrigerio in piena estate.

Un gran senso di calma accoglie chi resta qui ed è un luogo ideale per far aleggiare parole. Un luogo dove il tempo sembra non scandito.

Scale, salite, creuze. Sono i vari punti di passaggio prima di giungere a casa. Ho pensato a una metafora della mia vita: niente è facile da conquistare. Tante volte mi sento affaticata durante la salita; mi fermo a prendere fiato e ad osservare. E così vedo il mare in mezzo alle verdi colline, il sentiero con alberi di cachi, erbe spontanee che sbucano dai muretti a secco e gatti, tanti gatti che mi vengono incontro.

Anche in questi momenti tutto rispecchia la mia scelta di vita, sono proprio io.

Io e la mia casa luminosa, una famiglia rumorosa, dove c’è posto per tutti, e un equilibro instabile, essendo io sempre in movimento e in crescita. Ma con immensa gioia, evitando inutili drammi, il mio cuore scoppietta di fronte a piccole gioie della vita riuscendo ogni volta a evitare naufragi.

Sono laureata in giurisprudenza, ma non sono assolutamente tagliata per gli aspetti legali, detesto i conflitti; amo imbastire relazioni non separazioni e sono ben felice di non aver intrapreso quel tipo di percorso. La conoscenza giuridica mi è utile, in parte, per l’attività che svolgo attualmente in Regione Liguria.


Amo scrivere, sono un’assidua lettrice, ho scoperto che ho talento per la fotografia e piango davanti a certe pellicole. L’emotività mi fa spesso brutti scherzi, ma non lo considero un difetto. Combatto ancora con la mia timidezza: per parlare in pubblico devo assolutamente essere molto preparata, diversamente non riesco mai a trovare le parole giuste e in automatico distolgo lo sguardo, mi tocco i capelli e gesticolo in maniera quasi goffa. Mi sento più a mio agio lavorare dietro alle quinte.

Una delle mie caratteristiche migliori è proprio quella di saper ascoltare le storie, scriverle e, in certi casi, crearle.


Una in particolare comincia da un luogo, un posto preciso. Dalla stazione ferroviaria è giunta sopra a un buon caffè, qui si sono incrociati sorrisi e progettato idee. E quando le idee si sono consolidate, ecco che in un battibaleno, con altre due donne meravigliose, realizzo a Milano un grande incontro dove ci raggiungono 43 donne da tutta Italia. Ci ritroviamo unitamente alla redazione della nostra rivista preferita e passiamo ore a parlare come se ci conoscessimo da sempre. Anime affini si sono trovate tanto da moltiplicare passioni e gentilezza.

Credo fermamente che la bellezza e l’intelligenza salveranno il mondo."


Se anche voi credete che la bellezza salverà il mondo e vorrete lasciarvi conquistare dalla Casa Mediterranea o prendere spunti dal talento di Valeria, potrete seguirla sul suo profilo Instagram, dove troverete le sue bellissime foto e molti consigli su come rendere una casa accogliente, ricevere tanti amici e condividere buone letture.

0 commenti

Post recenti

Mostra tutti