• Redazione TheMeltingPop

"Verrà un giorno che anche per noi brillerà il sole"

Dal diario di Michele Lanata, catturato dai tedeschi e fatto prigioniero in un campo di concentramento a Monaco nel 1943

Si può descrivere l’orrore di un campo di concentramento?

Si può cercare di parlarne e provare a capire cosa è stato?

Forse l’unico modo è quello di ascoltare, sentire, vivere le testimonianze che sono arrivate fino a noi.


Noi di Themeltinpop.com abbiamo avuto il privilegio di leggere il diario di Michele Lanata, genovese che fu catturato dai tedeschi nel 1943 e fatto prigioniero in un lager a Monaco.


Provare a immergersi in queste pagine è davvero un’esperienza emotiva molto intensa. Un valore storico che non si può quantificare. Sono le parole di un ragazzo, chiamato a svolgere il servizio militare nel periodo di guerra, nel 1941, nell’aviazione.


Le pagine del diario, scritte fitte, iniziano pochi giorni dopo l’8 settembre del 1943.

In fuga da Nisida con tre amici ci ripariamo per i monti siamo ospitati in una casetta e si dorme in un pagliaio”

Ma la fuga verso la Liguria purtroppo terminerà a Marina di Carrara dove Lanata e i suoi compagni vengono bloccati e catturati dai tedeschi.

Sono prigioniero, nella mia terra, di gente straniera.”


"Sono in una baracca con i miei amici, si parla di casa senza notizie, con le lacrime agli occhi pensiamo al destino malvagio che ci è stato avverso."


Qui finisce la speranza di tornare a casa e incomincia l'incubo: la deportazione a Monaco.


“La prima impressione è quella di una città cosmopolita formata di innumerevoli baracche che in ordine si stendono per tutta l’area del campo. Qua vi sono Italiani, Americani, Inglesi, Russi, Francesi, Indiani, Canadesi, Polacchi, Serbi, partigiani, ribelli, insomma un vero minestrone di razze e di lingue. Ci prendono identità, indirizzo, mestiere, soldi, impronte digitali e ci danno un piastrino colla matricola e così passano i giorni.”


È una scrittura precisa, colloquiale, uno sfogo quasi quotidiano, un flusso di voci e immagini che scaturiscono come un bisogno interiore, servendosi di ogni strumento disponibile: penne nere, blu e matite, anche colorate.


Abbiamo pensato di pubblicare ogni giorno stralci di questa preziosa narrazione.



Provate anche voi ad immergervi in questa storia, cercate di vedere quello che vede Michele, provate a sentire quello che sente lui: il freddo dell’inverno tedesco nelle baracche, la fatica del lavoro, la noia di stare sdraiato in una brandina. La nostalgia di casa. Il senso di colpa per aver venduto al mercato nero l’orologio di suo padre per sopravvivere.

Ascoltate la voce di Michele.




























0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
Themeltinpop.com
Iscriviti alla newsletter

© 2023 by Going Places. Proudly created with Wix.com

I contenuti presenti sul blog The Melting Pop sono di proprietà di The Melting Pop.

È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
È vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © 2019 The Melting Pop . All rights reserved

Le fotografie presenti su The Melting Pop appartengono ai rispettivi titolari, e non possono essere utilizzate, stampate, riprodotte, copiate, divulgate, salvate elettronicamente o in altri modi, senza il consenso dei rispettivi titolari. Alcune foto sono tratte da Internet, qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarcelo e saranno subito rimosse.

La Redazione dichiara di non essere responsabile per i contenuti e i commenti inseriti nei post dagli autori. Eventuali commenti dei visitatori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi alla Redazione, nemmeno se i commenti vengono espressi in forma anonima o criptata. La Redazione di The Melting Pop si riserva il diritto di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio, commenti che risultassero offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Gli utenti del blog che inseriscono commenti pertanto se ne assumono la piena e totale responsabilità.

  • White Facebook Icon

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.